Il tavolo istituzionale che dà una mano all’ambiente

Un momento di verifica ma, soprattutto, di rilancio e rafforzamento di una sinergia tra vari organi istituzionali, che si è dimostrata davvero proficua e le cui ricadute positive sono testimoniate da una serie di risultati concreti, a cominciare dal ripristinino di condizioni ambientali ottimali.

È questo il senso della conferenza stampa svoltasi presso la prefettura di Barletta, mercoledì 18 febbraio, a cui ha preso parte l’Amministratore Unico di AQP, Nicola Costantino, accompagnato

Una stazione di trattamento dei reflui in un impianto di depurazione

Una stazione di trattamento dei reflui in un impianto di depurazione

dalla responsabile della Macro Area Territoriale dell’AQP, Francesca Portincasa, insieme al prefetto Clara Minerva, al presidente della BAT, Francesco Carlo Spina, al responsabile del Corpo forestale, Giovanni Misceo, al comandante della capitaneria del porto di Barletta, Pierpaolo Pallotti, e al dirigente del settore ambiente della BAT, avv. Vito Bruno.

Al centro degli interventi la validità del protocollo d’intesa, stipulato nel luglio del 2014, tra la BAT, la Polizia provinciale, l’ARPA Puglia e il Corpo Forestale finalizzato al potenziamento dei sistemi di controllo e vigilanza per la salvaguardia ambientale e la protezione dall’inquinamento.

Un’efficacia attestata dalle operazioni congiunte del Corpo forestale e della Capitaneria del porto di Barletta, con il fondamentale ausilio professionale dei tecnici dell’AQP, che hanno portato alla scoperta e alla chiusura, nello scorso mese di dicembre, nell’ambito di una attività di verifica presso diversi frantoi e imprese collegate, di un’autorimessa, nel comune di Andria, nella quale venivano sversati in fogna i reflui della molitura delle olive, trasportati da numerosi Tir.

Dopo gli interventi del prefetto Carla Minerva, che ha avuto parole d’elogio per le iniziative nel loro complesso, del presidente della Bat Francesco Carlo Spina, che ha rimarcato la positiva ricaduta sul piano sociale, dei responsabili del Corpo forestale e della Capitaneria di porto di Barletta, che hanno chiarito tempi e modalità delle ispezioni eseguite, è toccato all’Amministratore Unico di AQP, Nicola Costantino, sottolineare come la collaborazione tra tutti gli attori istituzionali sia il viatico migliore sulla strada del mantenimento e del potenziamento della qualità delle risorse ambientali.

Limpianto di depurazione di Castrignano del Capo Le)

L’impianto di depurazione di Castrignano del Capo (Le)

“Una sinergia che non solo deve proseguire nel tempo ma, ancor più, deve essere implementata -ha osservato Costantino- con il coinvolgimento nel protocollo d’intesa, prossimo al rinnovo, di altri soggetti istituzionali, in grado di promuovere un’azione sempre più efficace a tutela dell’ambiente e dei cittadini”.