ASECO: entro l’anno partono i lavori di miglioramento dell’impianto

Partiranno entro l’anno i lavori di miglioramento dell’impianto di compostaggio di Marina di Ginosa. Dopo la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale di Lecce, ASECO, la società controllata da Acquedotto Pugliese, può ora eseguire le opere programmate sin dal 2016, per oltre 9 milioni di euro.

I lavori sono finalizzati al miglioramento funzionale dell’impianto e consisteranno nella realizzazione di opere di copertura e confinamento delle parti attualmente scoperte. La struttura di compostaggio sarà, inoltre, dotata di un avanzato sistema di captazione e purificazione d’aria con moderne strutture di filtrazione, in linea con quanto richiesto dall’ARPA Puglia. Il tutto a vantaggio del territorio e delle comunità servite.

Tali opere sono state autorizzate dalla Regione Puglia con determina dirigenziale n.179 del 1 ottobre 2018, che aveva recepito l’esito dei lavori di una Conferenza di Servizi protrattasi per circa due anni.

Secondo le previsioni, le operazioni di svuotamento dell’impianto e di successiva cantierizzazione avranno inizio a partire dal 1 luglio prossimo. L’ultimazione dei lavori è prevista entro l’estate 2020.

ASECO sottolinea, altresì, che si tratta di lavori volti al miglioramento oggettivo e non all’ampliamento della struttura.

I rifiuti in ingresso all’impianto di Marina di Ginosa sono tutti compatibili con l’attività di compostaggio, che è ampiamente riconosciuto come il sistema virtuoso di chiusura del ciclo dei rifiuti organici. Esso è rispettoso dell’ambiente e contribuisce al miglioramento delle condizioni ambientali del territorio.