Efficienza energetica ed energia pulita per la tutela dell’ambiente

Quando si parla di risparmio energetico si parla di ambiente. Oggi, più che mai, non si tratta di una scelta ma di un’opportunità concreta di contribuire alla salvaguardia del nostro Pianeta, contrastando l’innalzamento della temperatura globale e, al contempo, limitando le emissioni di gas a effetto serra, causate dall’uso di combustibili fossili, e di anidride carbonica.

Rispettare l’ambiente significa limitare gli sprechi energetici, seguendo poche e semplici regole. Basti pensare che gli apparecchi elettronici, ad esempio, come computer, wi-fi, tv, che oramai utilizziamo costantemente nella vita quotidiana, continuano a consumare energia anche quando sono in modalità stand-by, quindi quando lasciamo la spia rossa accesa. Buona regola sarebbe spegnere completamente i dispositivi o attivare lo spegnimento automatico e, per i pc, disattivare la modalità screensaver, quell’immagine animata che si attiva quando non lo si utilizza.

Italia in classe A- la campagna di Enea

Ogni piccolo contributo, dunque, può diventare fondamentale. Per questo Enea, l’Agenzia Nazionale Efficienza Energetica, ha lanciato “Efficienza- La nuova energia”, la campagna nazionale di formazione e informazione Italia in Classe A per un uso più consapevole ed efficiente dell’energia, promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Italia in Classe A è un’iniziativa realizzata in partnership con Acquedotto Pugliese, da sempre attenta alla salvaguardia dell’ambiente anche attraverso una politica energetica incentrata sull’uso delle fonti rinnovabili.

Sul tema fanno il punto il Direttore Servizi Tecnici e Manutentivi di AQP, Antonio de Leo, e l’Energy Manager di AQP, Giuseppe Rizzi.

Antonio de Leo, Direttore Servizi Tecnici e Manutentivi AQP

Il basso impatto ambientale delle fonti rinnovabili – spiega Il Direttore de Leo –  rappresenta il loro principale vantaggio. L’utilizzo di tali fonti, generate dall’acqua e dal sole non comporta, infatti, alcun tipo di emissione di anidride carbonica ed altri agenti inquinanti. Una scelta che trova pieno riscontro nelle politiche europee e nel piano di dismissione previsto per i prossimi anni delle centrali di energia elettrica a carbone sul territorio regionale e nazionale, a favore di energia pulita”.

Energia pulita, efficienza energetica, sostenibilità e rispetto dell’ambiente sono le direttrici di un percorso green intrapreso da Acquedotto Pugliese e oggi in continuo sviluppo.

Giuseppe Rizzi, Energy Manager AQP

“Il parco rinnovabile di AQP – spiega l’Energy Manager Rizzi – può contare su 5 impianti fotovoltaici per una potenza totale installata di 1,2 MWp, 7 centrali idroelettriche per una potenza totale installata di 4,4 MW e un impianto di cogenerazione di potenza pari a 0,4 MW. Nel 2019 la produzione di energia da fonti rinnovabili ha superato il valore di 6.000.000 kWh/annui prodotti, in incremento di oltre il 20% rispetto al 2019 e di oltre il 50% rispetto al 2018. Entro fine 2020 abbiamo in programma di attivare ulteriori 2 impianti idroelettrici per una potenza pari a 0,6 MW e 2 impianti fotovoltaici per ulteriori 30 kWp”.

Impianto di cogenerazione nell’impianto di depurazione di Lecce

L’ uso razionale delle risorse energetiche ha contribuito al conseguimento della Certificazione ISO 50001 sui Sistemi di Gestione dell’Energia. Un traguardo conseguito a dicembre dello scorso anno, su tutto il ciclo del servizio idrico integrato a seguito di un percorso durato due anni.

Pannelli fotovoltaici sul tetto del serbatoio di Parco del Marchese a Laterza

“Un sistema di gestione dell’energia certificato – prosegue de Leoprevede un miglioramento continuo delle prestazioni energetiche degli impianti tramite il monitoraggio costante di indici di prestazioni implementati su tutte le fasi del servizio idrico integrato. Il sistema consente all’organizzazione di adottare un approccio sistematico finalizzato al continuo miglioramento della propria efficienza energetica, introduce criteri energetici nelle politiche di acquisto, di progettazione, di conduzione e manutenzione degli impianti al fine di un miglioramento continuo, volto ad incrementare le prestazioni energetiche e la riduzione di emissioni di CO2.

Centrale mini-hydro di Corato

Tale sistema di gestione prevede, altresì, un capillare piano formativo aziendale teso a diffondere la cultura sull’uso razionale dell’energia nonché alla condivisione della politica energetica adottata dall’azienda. Per il conseguimento di questo obiettivo è prevista una serie di audit interni con lo scopo di verificare numerosi aspetti, tra i quali il grado di conoscenza del Sistema di gestione dell’energia, la gestione delle attività di manutenzione, l’efficacia della comunicazione agli addetti e operatori e la valutazione e il monitoraggio degli interventi previsti nel Piano di Azione. E’ previsto, inoltre, il monitoraggio periodico per valutare l’efficacia di detti interventi ed il raggiungimento degli obiettivi e traguardi fissati dall’azienda”.

Impianto fotovoltaico sul tetto del depuratore di Lecce

A testimonianza dell’impegno e dei risultati conseguiti, Acquedotto Pugliese ha ricevuto dalla Federazione Italiana per l’uso razionale dell’energia (FIRE) una menzione speciale nell’ambito del premio Energy Manager 2019, in quanto public company che si è particolarmente distinta per le attività svolte nel settore energetico.

Al centro, il Direttore de Leo alla cerimonia di premiazione Energy Manager 2019