La festa della cape de firr

Segni particolari: altezza 128 cm., base circolare 38 cm, forma conica, corredata di cappello e vaschetta di recupero delle acque, totalmente in ghisa, rubinetto a getto intermittente con meccanismo interno in ottone, frutto dell’ingegno degli uomini che hanno fatto l’Acquedotto Pugliese, ancora oggi a produzione artigianale. Parliamo del simbolo dell’Acquedotto Pugliese, la storica Cape de firr che tante piazze della Puglia e del meridione conoscono e che ha portato la prima acqua salubre pubblica in Puglia e che, ancora oggi, rappresenta l’icona indiscussa di questa epocale conquista sociale.

Una storia che ha inizio nel lontano 1902, con la legge per la costruzione e l’esercizio dell’Acquedotto Pugliese in cui si dispone che “il Consorzio dovrà costruire a sue spese in ciascun comune, in numero proporzionato agli abitanti, fontanine gratuite pel pubblico, restando in facoltà del comune di disciplinarne l’uso, ed a suo carico il pagamento dell’acqua”.

Il regolamento e il capitolato per la costruzione e l’esercizio dell’Acquedotto Pugliese, approvato con Regio decreto nel 1904, ne disciplina la installazione, in ragione di una per ogni 2500 abitanti nei grossi centri che ne contano più di 20 mila, una per ogni 1500 nei comuni di popolazione compresa tra i 10 e 20 mila abitanti, ed infine una per ogni 1000 abitanti o meno nei centri minori.

Ogni fontanina – si legge ancora nel regolamento – non dovrà erogare meno di 25 metri cubi d’acqua al giorno e sarà a luce tassata, mediante apposito rubinetto idrometrico, e l’acqua dovrà dai comuni essere pagata al prezzo di 0,20 lire.

Nel 1914, trova attuazione il dettato normativo sulle fontanine e viene stabilito il tipo che oggi conosciamo. Nel corso degli anni si moltiplicano le storie ed i poemi in rima sulla fontanina.

Una letteratura popolare, il più delle volte in dialetto (all’acqua, all’acqua, alla fendana nova, ci non tene la zita – leggasi fidanzata – se la trova recita ad esempio una filastrocca anonima risalente agli anni ’20) che testimonia l’affetto incondizionato che le popolazioni pugliesi riservano a questo semplice strumento di vita.

Una storia affascinante che ha sedotto finanche l’architetto di fama internazionale Renzo Piano che, per la realizzazione del santuario dedicato a Padre Pio in San Giovanni Rotondo, ha espressamente richiesto l’installazione di una batteria di 6 fontane dell’Acquedotto Pugliese a corona dell’atrio d’ingresso della chiesa.

Una storia che intendiamo oggi onorare e festeggiare insieme ai pugliesi che continuano a viverla ogni giorno.