I ragazzi protagonisti in rete per l’acqua bene comune

intervista

 

Promuovere il valore dell’acqua bene comune tra le nuove generazioni con azioni specifiche e soprattutto con l’utilizzo dei mezzi di comunicazione più in voga tra i giovani. Con questo obiettivo Acquedotto Pugliese e la Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che impegnerà le due strutture, a partire dal prossimo anno, nella realizzazione di concorsi e iniziative sul tema dell’acqua per tutte le fasce d’età scolastica, dalle materne fino agli istituti superiori.

Abbiamo incontrato la Dirigente del Servizio Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia, dott.ssa Daniela Daloiso per saperne di più.

Dott.ssa Daloiso, quali sono gli obiettivi di questo progetto?

L’acqua, oltre che un diritto umano universale, è un bene naturale; devono quindi essere avviate linee operative tese a promuovere il suo valore, l’uso corretto ed un consumo consapevole.

A cosa mirano i “Laboratori” che intendete attivare?

A sviluppare le azioni di comunicazione istituzionale del Consiglio Regionale così come delineate dal nuovo statuto della Regione, attraverso il sistema della fiere, dei saloni espositivi, delle partnership e di tutti gli eventi per celebrazioni significative.

In cosa consiste il coinvolgimento degli studenti?

A far prendere loro conoscenza delle attività legate al servizio idrico integrato, stimolando nel contempo la loro creatività. Per esempio gli  studenti delle classi 3, 4 e 5 delle scuole Secondarie di II grado saranno coinvolti nella realizzazione di un sito web, “la Voce dell’acqua”, collegato all’house organ di Acquedotto Pugliese, con l’obiettivo di avvicinare i ragazzi del territorio servito, al valore dell’acqua bene comune, anche attraverso la riscoperta della storia dell’acquedotto e delle sue molteplici attività. Verranno inoltre promossi concorsi per la valorizzazione dell’acqua di rubinetto e per il risparmio idrico.

 

Caterina Quagliarella