La risorsa Acqua e la risorsa Lavoro si fondono per dare linfa alla Puglia

AQP e ITS Cuccovillo insieme investono nella formazione dei nuovi “supertecnici” del Servizio Idrico Integrato

Si chiama fontaniere meccatronico ed è una nuova figura professionale che nasce dalla sinergia fra due risorse tanto diverse quanto vitali per la Puglia: la risorsa acqua e la risorsa formazione. A dar vita a questa sinergia sono Acquedotto Pugliese, il più importante acquedotto d’Europa, e l’ITS “A. Cuccovillo” di Bari, uno dei primi istituti tecnici superiori d’Italia.

Insieme, questa mattina hanno siglato un Accordo Quadro pluriennale che cambierà il volto dell’alta formazione specialistica professionalizzante non solo in Puglia, e offrirà concrete opportunità lavorative ai giovani di tutta la regione.

La sigla dell’accordo – ha sottolineato il Presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone di Cagno Abbresciaè un’occasione importante per i giovani perché offre la possibilità di una alta formazione specialistica e in linea con le richieste del mercato del lavoro. I ragazzi, al termine dei due anni di approfondimento sul campo e di docenze di Acquedotto Pugliese, avranno strumenti adeguati per entrare nel mondo del lavoro, un mondo che è diventato sempre più difficile. Una collaborazione positiva, dunque, un connubio tra formazione e istruzione reso possibile grazie alla sinergia tra Ministero, Regione Puglia, Aqp e l’istituto Cuccovillo”.

L’intesa prevede l’avvio di due corsi biennali in “Tecnico Specialista nella Gestione del Servizio Idrico Integrato” destinati a neodiplomati pugliesi. Al termine del percorso formativo, si raggiungeranno due importanti obiettivi: il primo, riguarda direttamente Acquedotto Pugliese che potrà avvalersi di supertecnici in grado di governare i suoi complessi processi gestionali, utilizzando le più moderne tecnologie, nell’ottica di garantire agli utenti maggiore efficienza e minori costi.

Il secondo obiettivo interessa cinquanta giovani pugliesi che avranno la concreta possibilità di inserirsi nel mercato del lavoro con posizioni innovative e gratificanti.

I termini di questa inedita operazione sono stati illustrati oggi nella sede AQP, in via Cognetti 36 a Bari, dal Presidente di AQP, Simeone di Cagno Abbrescia, dalla Presidente dell’ITS Cuccovillo, Lucia Scattarelli, dal Direttore Risorse Umane di AQP, Pietro Scrimieri. Sono intervenuti il presidente di Confindustria Bari-Bat, Sergio Fontana, il Presidente di Confindustria Brindisi, Patrick Marcucci.

I corsi, della durata di 2.250 ore circa, si svolgeranno nella sede centrale dell’ITS “Cuccovillo” di via Divisione Aqui a Bari, per gli studenti che provengono prevalentemente dalla zona Nord della Puglia (BA–FG–BAT); e nella sede di Brindisi dell’ITS “Cuccovillo”, per gli studenti che provengono prevalentemente dalle province di Taranto, Brindisi, Lecce.

I due anni si articoleranno seguendo i criteri della didattica innovativa e della modalità duale, alternando momenti formativi in ITS a momenti formativi presso varie sedi di AQP, in Puglia, in Italia e, ove necessario, all’estero, con uno stage finale di circa 6 mesi.

L’ITS Cuccovillo di Bari è stato uno dei primi 14 ITS a nascere in Italia; da cinque anni, è l’unico ITS del Sud ad essere stato sempre premiato dal Ministero, e quest’anno ha fatto balzare la Regione Puglia al primo posto nell’attività di alta formazione professionalizzante post-diploma negli ambiti della meccanica, meccatronica e sistema casa. Nel luglio scorso, sono stati 60 i ragazzi che, superando l’esame finale, hanno ottenuto il diploma di Tecnico Meccatronico. Quest’anno toccherà ad altri 90 e nel 2020 saranno circa trecento.

Con la realistica prospettiva di trovare lavoro subito dopo il diploma: secondo i dati certificati dal Miur, il 95 per cento dei ragazzi diplomati al “Cuccovillo” trova occupazione nel settore dell’industria avanzata con qualifiche gratificanti, sia in Puglia che all’estero.