Open Day sul depuratore di Casamassima

Nell’ambito dell’evento il laboratorio didattico “H2Oltre” per sensibilizzare gli studenti sull’mportanza della depurazione, del riuso e del risparmio idrico

Continuano gli open day sui depuratori di Puglia nell’ambito di H2Oro. In buone acque, il progetto didattico di Legambiente Puglia, Acquedotto Pugliese e Autorità Idrica Pugliese, mirato a sensibilizzare cittadini e studenti sull’importanza di una corretta depurazione, del riuso e del risparmio idrico. All’open day sul depuratore di Monopoli segue la tappa di oggi a Casamassima, per inaugurare il nuovo impianto di depurazione .

L’evento si è svolto alla presenza di Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente di Acquedotto Pugliese, Nicola De Sanctis, Amministratore Delegato di Acquedotto Pugliese, Vito Colucci, Direttore Generale di Autorità Idrica Pugliese, Giovanni Giannini, Assessore alle Risorse idriche e tutela delle acque della Regione Puglia, Giuseppe Nitti, Sindaco di Casamassima, e di Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia.

«Inaugurato oggi il nuovo impianto di depurazione di Casamassima- ha spiegato l’assessore Giannini -avviato all’esercizio a luglio scorso in sostituzione del vecchio depuratore oggetto di infrazione comunitaria. L’impianto ha una capacità di trattamento di 17.000 AE (Abitante Equivalente) per una portata giornaliera di 1600 mc ed è costato complessivamente 5,2 milioni. Inoltre, per far fronte al carico totale previsto nel Piano di Tutela delle Acque regionale è in corso di progettazione il suo potenziamento, per un importo complessivo di 4,5 milioni di euro, che consentirà anche l’affinamento delle acque depurate per il riuso per fini irrigui in agricoltura e per usi civili e industriali. Il depuratore è collocato a 3,5 chilometri a nord del centro abitato di Casamassima, in una posizione che evita qualsiasi problema in ordine alla percezione di emissioni odorigene. L’avvio in esercizio di questa nuova struttura garantisce agli utenti nuovi allacci alla rete fognaria cittadina, con risvolti positivi socio-economici, igienico-sanitari ed ambientali».

«Continua- ha detto ancora l’assessore- l’impegno di Regione e AQP nel realizzare impianti di depurazione moderni, capaci di valorizzare e recuperare il bene acqua, così deficitario in Puglia, come emerge dal depauperamento delle risorse idriche negli invasi in mancanza di pioggia. Anche per questo è importante la presenza delle scolaresche coinvolte nel progetto didattico di Legambiente Puglia, Acquedotto Pugliese e Autorità Idrica Pugliese “H2Oro. In buone acque”, open day sui depuratori. Il progetto mira ad affermare un modello di economia circolare e tende a sensibilizzare i cittadini sull’importanza di una corretta depurazione, del riuso e del risparmio idrico».

«La depurazione e il riuso delle acque rappresentano una fase fondamentale del ciclo dell’acqua. –ha  spiegato il Presidente  di AQP di Cagno Abbrescia – Gestiamo 184 depuratori su tutto il territorio e lo facciamo con il massimo impegno perché la tutela dell’ambiente è una nostra priorità. Le acque depurate dai nostri impianti sono finemente trattate per essere reimpiegate in diversi settori, anche in agricoltura. Oggi siamo qui a Casamassima per sugellare un nuovo inizio grazie all’avvio di un nuovo depuratore, altamente sofisticato, che pone fine ad annose problematiche. Il nostro impegno su Casamassima proseguirà ancora con un ulteriore potenziamento dell’impianto e l’affinamento delle acque per il reimpiego per scopi civili ed agricoli».

«Siamo lieti dell’avvio del nuovo impianto di depurazione a Casamassima. – ha commentato l’Amministratore Delegato di AQP De Sanctis,  – Un passo significativo nel percorso di crescita aziendale, segno del nostro impegno in questo comparto, che consente anche il superamento delle infrazioni comunitarie sul sistema fognario-depurativo a Casamassima. Nel biennio 2017-2018 abbiamo investito 113 milioni di euro soltanto nella depurazione, finalizzati al potenziamento degli impianti, alla progettazione di interventi mirati al riutilizzo delle acque e alla rigenerazione e all’adeguamento di alcuni recapiti finali. Siamo sulla buona strada e proseguiamo con determinazione perché la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema sono le nostre priorità».

Appuntamento fisso degli open day è il laboratorio didattico H2Oltre di Multiversi Divulgazione Scientifica, che oggi ha coinvolto gli alunni delle scuole primarie “G. Marconi” e “G. Rodari” di Casamassima. H2Oltre illustra in forma ludica le proprietà chimico-fisiche dell’acqua e le fasi che attraversa in un impianto di depurazione, simulando le abitudini scorrette che creano danni all’ambiente, per educare a un uso corretto dell’acqua a partire dai piccoli gesti quotidiani come non gettare i rifiuti nel wc o nel lavandino.

«Positivo l’avvio del nuovo impianto di depurazione di Casamassima – ha commentato Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia –, grazie al quale si riducono a due i depuratori che scaricano in falda. Con il progetto H2Oro. In buone acque, di cui fa parte un opuscolo presentato nella tappa di Monopoli, vogliamo sensibilizzare i cittadini, i giovani in particolare, al rispetto e alla tutela delle risorse idriche, per far prendere coscienza che l’acqua è un elemento indispensabile, ma è fortemente minacciata dalle ricorrenti abitudini scorrette. H2Oro è un supporto ludico-didattico alle scuole, un invito agli studenti ad essere partecipi di un cambiamento di sensibilità, intorno a questioni fondamentali per il benessere di ognuno».