Premiata la ricerca AQP su perdite e uso intelligente del vetro riciclato nel filtraggio delle acque

Importante riconoscimento per l’Acquedotto Pugliese nell’ambito della 34esima edizione di IDRA 14, lo storico Convegno biennale nazionale di idraulica e costruzioni idrauliche questo anno ospitato dal Politecnico di Bari.

Al Convegno hanno partecipato i maggiori tecnici e ricercatori italiani del settore che hanno presentato oltre 400 contributi divisi in cinque categorie.

Per ciascuna categoria è stato premiato il miglior lavoro di ricerca, valutato per la qualità del contenuto scientifico, l’efficacia e l’originalità della comunicazione editoriale e della presentazione orale del lavoro.

Dei cinque lavori vincitori, due sono stati presentati da tecnici di Acquedotto Pugliese. I dipendenti premiati sono Oronzo Antonio Pizzutolo, Cristina Giordano e Gerardo Ventafridda per la studio sulle “Problematiche connesse al dissesto geomorfologico del centro storico di Mesagne e l’incidenza delle perdite idriche e fognanti sui fenomeni di ricarica della falda freatica superficiale”, nell’ambito della categoria “Infrastrutture, Coste e Agricoltura” e Michelangelo Guastamacchia per la ricerca su “Vetro cellulare riciclato come medium nella filtrazione di acque torbide” nella sezione “Assetto e gestione idraulica del territorio”.

La procedura per l’assegnazione dei premi è stata gestita da una commissione indicata dal Gruppo Italiano di Idraulica. I premi sono stati attribuiti sulla base dei voti assegnati ai progetti dai partecipanti stessi al convegno e sulle segnalazioni che i coordinatori delle singole sessioni hanno fatto pervenire alla commissione.