Salta al contenuto principale
rubinetto

IscLayoutContent

Qualità | 04 giugno 2020
Acqua di rubinetto. Facciamo una scelta responsabile e di qualità

La nuova campagna mostra le qualità dell’acqua di rubinetto distribuita da Acquedotto Pugliese

Tecnico in laboratorio AQP
Tecnico in laboratorio AQP

L’acqua di rubinetto è a portata di mano, è disponibile direttamente a casa e quindi contribuisce a ridurre il consumo di plastica. Basterebbe questo aspetto per promuoverne il consumo, in un periodo storico in cui di sostenibilità ambientale e di salvaguardia dell’ambiente ne sentiamo parlare così spesso per la sua estrema importanza. Ma se a questo beneficio, per nulla trascurabile, aggiungessimo che l’acqua di rubinetto è soprattutto buona e sicura?

Per una buona parte dei pugliesi è così: il 54,8 per cento, più della metà, infatti, consuma acqua di casa, l’acqua distribuita da Acquedotto Pugliese. Lo conferma un’indagine di Customer Satisfaction condotta su un campione di 2092 clienti.

Per scoprire tutte le qualità dell’acqua distribuita, in questi giorni, è partita la campagna “Io bevo AQP, e tu?” Acqua comoda, buona e sicura. Come arriva fresca e buona nelle nostre case, l’acqua di Acquedotto Pugliese? La risposta è nel lavoro di un team di specialisti che analizza costantemente, anche in tempo reale, la qualità dell’acqua lungo tutto il suo cammino, di oltre 20mila chilometri di rete, dalle fonti fino all’arrivo nei 254 comuni, di Puglia e parte della Campania.

Cape de firr, tipica fontana pubblica AQP
Cape de firr,
tipica fontana
pubblica AQP

A garantire la sua qualità sono gli innumerevoli controlli – commenta Pier Paolo Abis, responsabile Controllo e Qualità di Acquedotto Pugliese – effettuati negli impianti di potabilizzazione e nei laboratori di Bari, Taranto, Brindisi, Lecce e Foggia dove una squadra di biologi, chimici, periti, tecnici ed operatori monitora la qualità delle acque potabili, dalle sorgenti, dagli invasi, dai pozzi e dalle fontanelle pubbliche. La purezza e il monitoraggio delle acque sono garantite, altresì, da stazioni di disinfezione supplementari e da centraline di analisi automatizzate, posizionate nei principali nodi della rete. Nel 2019, sono stati effettuati controlli su circa 15mila campioni per oltre 600mila parametri, in aggiunta a quelli misurati in tempo reale”.

Un’acqua leggera e dalle ottime qualità organolettiche. A dimostrarlo sono i parametri dell’acqua di rubinetto distribuita sulla rete pubblica di Bari, nell’ultimo semestre del 2019. Ecco alcuni dati: 61 mg/l di calcio14 mg/l di magnesio290 mg/l di residuo fisso e una durezza pari a 20 Gradi Francesi (GF).

I valori registrati sull’acqua distribuita su tutto il territorio servito, quindi in tutta la Puglia e parte della Campania, sono in linea con quelli rilevati sull’acqua della rete pubblica del capoluogo pugliese, confermando un livello alto di qualità. Beviamo acqua di rubinetto perché sicura, buona, a portata di rubinetto.

 

Condividi su